riscaldamento Archive

1

X4mance WarmSlim, Vantaggi e caratteristiche

Presentazione pannelli

1- Cos’è il termo-quadro X4mance WarmSlim ?

Sono essenzialmente riscaldatori che trasmettono il calore prodotto mediante irraggiamento all’, calore sano come i raggi solari, per  prevalentemente domestici.

hanno bassissimi consumi energetici, non bruciano ossigeno come le normali stufette a filo incandescente,

non emettono ozono “O 3 ” ne ossido di carbonio “CO” gas estremamente pericoloso, ne anidride carbonica “CO 2 ”,

NON SOLLEVANO O SPOSTANO POLVERI, PERTANTO IDEALi PER CHI SOFFRE DI ALLERGIE ALLE POLVERI,

non producono campi magnetici significativi

silenziosissimi, non fanno rumore perché non hanno parti in movimento

non hanno usura

non richiedono particolare manutenzione

sono leggeri ed estremamente facili da installare

NON RICHIEDono LAVORI DI MURATURA per l’installazione, bastano due tasselli da muro a corredo

raggiungono la giusta temperatura in pochi minuti

ideali per le stagioni intermedie alle latitudini che si riferiscono in Italia al nord e centro molto validi come alternativa al riscaldamento a gasolio o a gas. Alle latitudini italiane posizione al sud tali riscaldadori possono essere utilizzati come riscaldamento primario.

sono dotati di interruttore luminoso e presa di connettore fissa con cavo separabile, possono essere così utilizzati come elementi decorativi anche quando non sono in funzione (vedi catalogo immagini).

X4mance WarmSlim è un prodotto brevettato

 

2- Informazioni su X4mance WarmSlim:

Il termo-quadro X4mance WarmSlim (lo dice la parola stessa) è un sistema riscaldante che abbina la soluzione tecnica di un riscaldatore con una soluzione ornamentale come un quadro, con riproduzioni fotografiche di varia natura .

Il calore prodotto è trasmesso (principalmente per irraggiamento all’infrarosso come il calore solare) dalle superficie esposte e recepito direttamente dalla persona e dai corpi solidi, anche in ambienti sostanzialmente freddi.

3- Tecnologia utilizzata nella costruzione:

Il X4mance WarmSlim utilizza delle resistenze elettriche flessibili (tipo PTF) a base di inchiostri o di paste al carbonio, elettricamente conduttivi, serigrafati su film polimerico . VANTAGGI del carbonio RISPETTO ALLE RESISTENZE TRADIZIONALI

La temperatura desiderata viene raggiunta in tempi brevi e a basso consumo

durevole nel tempo

non ha dilatazioni termiche significative

ha la stessa efficienza in qualsiasi condizione di temperatura

non ossida

è flessibile

è riciclabile, quindi grande rispetto per l’ambiente

ha un’elevata conducibilità termica quindi un’elevata capacità a dissipare l’energia calorica prodotta per effetto

Le resistenze sono realizzabili in tutte le tensioni e frequenza di alimentazione, compresa la bassa tensione a corr. continua, quindi possibilità di abbinamento con pannelli fotovoltaici.

Rendimento energetico 100%; tutta l’energia viene trasformata in calore.

 

4- Caratteristiche X4mance WarmSlim (800×600)

Tensione: 230 V 50 Hz

Potenza: 400 W

classe isolamento I , necessita collegamento a terra

temperatura superficiale 80 °C

termostato limitatore di sicurezza

grado di protezione IPX0

certificazione Nemko

più di 100 immagini da catalogo

Molteplici immagini ambientate per tipologia del locale, vedi catalogo.

 

5- Zone di installazione:

ambienti domestici senza limitazioni ad esclusione del bagno dove devono essere rispettate le zone definite dalla norma CEI 64-8 ; nel ns. caso zona 3.

 

6- Consumi : valori medi X4mance WarmSlim

energia consumata = 0,40 KW/h

Costo orario stimabile per elemento: € 0,085* (per 1 ora di uso) = >> € 1,26 (PER 14

ORE DI ACCENSIONE); *costo medio 0,21 € al kW/h comprese le tasse

Adatto ad ambienti di 10/12 mq = (30 m3)

 

7- Manutenzione

 

L’apparecchio non richiede particolari .

Prima di pulire l’apparecchio staccare la spina dalla presa di corrente ed assicurarsi che sia freddo;

per gli apparecchi collegati permanentemente alla rete di alimentazione, assicurarsi che l’apparecchio sia disconnesso mediante interruttore onnipolare a monte dell’apparecchio.

L’apparecchio non va mai immerso in acqua o in qualsiasi altro liquido.

Effettuare la pulizia quando le superfici sono fredde con un panno umido.

Prima di accendere l’apparecchio assicurarsi che le superfici siano asciutte.

 

8- Versioni disponibili

X4mance WarmSlim Disponibile nelle seguenti Misure (b x h):

800 x 600 con immagine o specchio in orizzontale o verticale 400 Watt

600 x 400 con immagine o specchio in orizzontale o verticale 200 Watt

 

9- Vantaggi e/o Svantaggi tra il sistema tradizionale e l’impiego dei pannelli

 

I sistemi tradizionali ad acqua, con caldaia e radiatori, a pavimento o parete, usano la combustione di gas (metano o GPL), gasolio, legna, per produrre energia termica.

Il rendimento (a volte anche del 90/95 %) delle caldaie dichiarato dai costruttori si riferisce a particolari condizioni di funzionamento; in pratica il rendimento dell’impianto può scendere anche al 50%.

L’ giunge al che è l’elemento predisposto al riscaldamento dell’ambiente, cede il calore all’aria ed è quest’ aria calda che a sua volta riscalda l’ambiente per convenzione.

Per avere 20° C a 1,5 / 2 mt di altezza, lo strato d’aria prossimo al soffitto può giungere a 25°C e a livello del pavimento a 16° C. E’ chiaro che a queste condizioni non può esserci : i piedi saranno freddi e l’aria respirata sarà troppo calda e polverosa.

Inoltre, l’aria calda negli strati superiori non serve direttamente allo scopo, ma è solamente energia sprecata.

Questo concetto di riscaldare è poco funzionale per diversi motivi:

L’aria calda tende sempre a salire per cui si creano movimenti d’aria nell’ambiente con relativo trasporto di polveri che inevitabilmente si respirano.

avremo una stratificazione con temperature diverse dell’ambiente.

In un ambiente riscaldato per convezione è l’aria calda che poco alla volta cede calore alle pareti, ma in forma molto limitata in quanto il calore viene trasmesso ai muri per conduzione (l’aria cede il suo calore quando lambisce il muro) e questo fa si che i muri siano sempre più freddi dell’aria circolante. Questo spiega perché negli ambienti riscaldati con sistemi convettivi si percepisce un disagio di freddo anche se la temperatura dell’aria è 20° C. Il nostro corpo, più caldo delle pareti, cede calore per irraggiamento alle pareti stesse, per cui sentiamo freddo.

Per non percepire questo disagio, si aumenta la temperatura dell’aria di 2°/3°C. Questo, oltre ad aumentare i moti convettivi con relativo disagio e polvere, aumenta i consumi in modo esponenziale. Infatti si consuma molta più energia elevando la temperatura da 20° a 22°C che non elevandola da 16° a 18°C in quanto aumenta il ΔT tra esterno ed interno e di conseguenza aumentano le dispersioni termiche.

Altre dispersioni si hanno quando l’aria calda sfugge all’ambiente portando con sé il calore passando da porte che vengono aperte e da spifferi e trafilaggi vari.

In definitiva il concetto di riscaldare acqua per scaldare l’ambiente è poco efficiente in quanto il suo rendimento è basso. A confronto, un sistema termico radiante elettrico che X4MANCE propone, risulta superiore sotto tutti i punti di vista:

Il rendimento è sempre del 100% in quanto la potenza elettrica assorbita viene trasformata tutta in calore e ceduta all’ambiente direttamente.

Il calore viene diffuso per irraggiamento.

L’irraggiamento che è una propagazione di , anche chiamati raggi termici, ha la particolarità, essendo un’onda elettromagnetica, di riscaldare i corpi solidi (muri, pavimenti, corpo, ecc.) senza riscaldare l’aria.

Non vi è polvere in movimento, l’aria respirata risulta più fresca e si ha la piacevole percezione di un salutare calore penetrante.

Le temperature dell’ambiente risultano omogenee in tutti i punti: tra pavimento e soffitto ci può essere la diversità di 1-2 °C.

Non avendo la necessità di riscaldare l’aria, ma solamente la struttura muraria ed il corpo, non vi sono sprechi e neppure ulteriori dispersioni legate alla fuga di aria calda che in questo caso non è più il vettore del calore trasportato.

Il tutto si traduce in un forte energetico e di conseguenza di denaro. Si deduce che i sistemi convenzionali hanno rendimenti molto bassi che possono essere così quantificati:

circa il 30% dell’energia prodotta dalla combustione viene persa durante i numerosi passaggi del sistema (rendimento caldaia mai ottimale, consumo energia circolatori elettrici, dispersioni dei tubi anche se isolati, ponti termici, ecc.).

un ulteriore 40% si perde per il concetto errato di riscaldare per convezione al posto dell’irraggiamento. Per cui risulta evidente che un sistema convenzionale di riscaldamento sia poco efficiente da un punto di vista di benessere percepito, energetico ed ambientale.

10- Confronto tra sistemi di riscaldamento

Esempio: costi stimati per un appartamento di circa 120 mq. su un solo piano rialzato, con buon isolamento termico, in una regione del centro nord Italia, confronto tra un impianto a caldaia e un impianto termico sul periodo di 20 anni :

Confronto sul periodo di 20 anni (con prezzi invariati > ipotetico)

Caldaia Elettrico potenza 5 kW installati

100 W/mq per riscaldamento convettivo 44 W/mq per riscaldamento radiante

Impianto completo 9000 4800

Manutenzione 5.600 0

Consumi 46.440 35480

Caldaia (sosta. Prevista dopo 10 anni) 2.000 ———

Totale 63.040 (3.152/anno) Totale 40.280 (2.014/anno)

63.040 – 40.280 = 22.760 € di risparmio in 20 anni

3.152 – 2.014 = 1.138 €/anno di risparmio

Dai calcoli effettuati risulta quindi conveniente oltre che salutare eseguire impianti di riscaldamento con il sistema a pannelli radianti.

 

Caratteristiche pannelli X4MANCE WARMSLIM

Caratteristiche da parete 600×800 da parete 400×600

Tensione nominale 230 Volt 230 Volt

Potenza nominale 400 Watt 200 Watt

Potenza specifica impiegata 830 W/ m2 830 W/ m2

Consumo energetico 0,40 KW/h 0,20 KW/h

Consumo energetico in 24 ore 9,6 KW/h 4,8 – 5 KW/h

Spesa teorica su 24 ore

2 – 2,5 €/giorno

(val. medio Italia)

1 €/giorno

(val. medio Italia)

Temperatura superficiale 75-80 °C 75-80 °C

 

Superficie riscaldabile 10-12 m2

. 5 -6 m2

.Volume riscaldabile Max 30 m³ Max 15 m³

Dimensioni:

600 x 800

Orizzontali o verticali

400 x 600

orizzontali o verticali

Versioni disponibili Quadro o specchio Quadro o specchio

Interruttore luminoso on-off on-off

Connessione al pannello

Cavo o con connettore

separabile

Cavo o con connettore separabile

Costruzione Classe I e/o Classe II Classe I e/o Classe II

Grado di protezione IP X0 IP X0

Certificazione internazionale Nemko

Brevettato

Ricordati che per qualsiasi informazione, dubbio, curiosità puoi contattarci e seguirci su Facebook: https://www.facebook.com/x4mancesport

Clicca qui se vuoi acquistare un pannello riscaldamento infrarossi scegliendo il modello che preferisci: http://www.riscaldamentoinfrarossi.com/online-store/

Per condividere le immagini che per te hanno significato, per interagire con noi in modo divertente e innovativo, seguici su Pinterest: http://pinterest.com/x4mance/

1

Modelli disponibili

 

 

è disponibile in vari formati con differenti potenze per adattarsi al meglio alle tue esigenze. Per essere poi in perfetta sintonia con te e i tuoi gusti è si presenta come un ordinabile in una delle magnifiche scelte da noi oppure può anche essere personalizzato con la tua immagine preferita.

Per scegliere l’immagine clicca qui

Ecco i modelli disponibili:

DIMENSIONI MODELLO Prezzo
WATT
OR 80 x 60  400W X4mance Warm  – Bianco o Immagine  €            399,00
VE 60 x 80  400W X4mance Warm - Bianco o Immagine  €            399,00
OR 100 x 50  400W X4mance Warm- Bianco o Immagine  €            439,00
VE 50 x 100  400W X4mance Warm- Bianco o Immagine  €            439,00
50 x 100  400W X4mance Warm- SOFFITTO A SOSPENSIONE  €            399,00
60 x 60  300W X4mance Warm CONTROSOFFITTO AD INCASSO  €            339,00
VE 50 x 100  400W X4mance Warm Bagno Scalda asciugamani  €            499,00
IMMAGINE PERSONALIZZATA  €            50,00
 Spedizione 20,00 €

 

 

DIMENSIONI MODELLO Prezzo
WATT
40 x 60  200W X4mance WarmSlim + IMMAGINE + CORNICE  €  279,00
60 x 80  400W X4mance WarmSlim + IMMAGINE + CORNICE  €  319,00
40 x 60  200W X4mance WarmSlim UNICO COLORE CORNICE  €  279,00
60 x 80  400W X4mance WarmSlim UNICO COLORE CORNICE  €  319,00
40 x 60  200W X4mance WarmSlim SPECCHIO + COL. CORNICE  €  349,00
60 x 80  400W X4mance WarmSlim SPECCHIO + COL. CORNICE  €  399,00
 IMMAGINE PERSONALIZZATA  €    50,00
SPEDIZIONE  €    20,00


Per acquistare X4mance Warm  o X4mance WarmSlim o per avere informazioni contattaci al numero 348 8719861 o clicca qui

 

2

Il Design

Grazie ad un design accurato ed elegante, alla qualità della , alla nitidezza delle immagini e alla varietà dei temi proposti, i pannelli  rappresentano un di decoro e piacevole, in grado di adattarsi a tutti gli stili di arredamento.

Chi, invece, preferisce la sobrietà può scegliere tra le numerose proposte di pannelli irradianti X4mance Warm dalle tinte uniformi, studiati per inserirsi negli interni con assoluta discrezione e senza stravolgerne la composizione: notarli sarà davvero difficile.

 

Le collezioni :

Natura

 

Cibo

 

Tecnico

 

Astratto

 

 

0

Vantaggio X4mance Warm

 presenta molteplici vantaggi in e salutari.

Sotto il punto di vista del risparmi infatti,  X4mance Warm non ha bisogno di particolari e grazie alla sua sfrutta al il potere delle forze ad infrarossi garantendo un minor consumo .

Con questa sua particolare attitudine radiante  X4mance Warm rende più salubri gli , evitando l’innalzamento della dell’aria e consente di evitare la formazione di umidità che in dosi eccessive rappresenta il più comune ostacolo ad una buona , riduce il sollevamento delle polveri e non brucia l’ossigeno presente nell’.

SEMPLICITA’

I pannelli irradianti  X4mance Warm sono facili da installare e – altra caratteristica dagli evidenti vantaggi economici – non richiedono manutenzione. Si possono montare ovunque: in cucina, in bagno, in camera, in ufficio e senza necessità di rompere muri o pavimenti.

0

Vantaggi e Svantaggi rispetto ai sistemi di riscaldamento tradizionali

I sistemi tradizionali ad acqua, con caldaia e radiatori, a pavimento o parete, usano la combustione di gas (metano o GPL), gasolio, legna, per produrre termica.
Il (a volte anche del 90/95 %) delle caldaie dichiarato dai costruttori si riferisce a particolari condizioni di funzionamento; in pratica il dell’impianto può scendere anche al 50%.
L’ giunge al che è l’ predisposto al riscaldamento dell’ambiente, cede il calore all’aria ed è quest’ che a sua volta riscalda l’ambiente per convenzione.
Per avere 20° C a 1,5 / 2 mt di altezza, lo strato d’aria prossimo al soffitto può giungere a 25° C e a livello del pavimento a 16° C. E’ chiaro che a queste condizioni non può esserci : i piedi saranno freddi e l’aria respirata sarà troppo calda e polverosa.
Inoltre, l’aria calda negli strati superiori non serve direttamente allo scopo, ma è solamente energia sprecata.
Questo concetto di è poco funzionale per diversi motivi:
-L’aria calda tende sempre a salire per cui si creano movimenti d’aria nell’ambiente con
relativo trasporto di polveri che inevitabilmente si respirano.
-Avremo una stratificazione con temperature diverse dell’ambiente.
-In un ambiente riscaldato per convezione è l’aria calda che poco alla volta cede calore alle pareti, ma in forma molto limitata in quanto il calore viene trasmesso ai muri per conduzione (l’aria cede il suo calore quando lambisce il muro) e questo fa si che i muri  siano sempre più freddi dell’aria circolante. Questo spiega perché negli  riscaldati con sistemi convettivi si percepisce un disagio di freddo anche se la temperatura dell’aria è 20° C. Il nostro corpo, più caldo delle pareti, cede calore per irraggiamento alle pareti stesse, per cui sentiamo freddo.
-Per non percepire questo disagio, si aumenta la temperatura dell’aria di 2°/3°C. Questo, oltre ad aumentare i moti convettivi con relativo disagio e polvere, aumenta i consumi in modo esponenziale. Infatti si consuma molta più energia elevando la temperatura da 20° a 22°C che non elevandola da 16° a 18°C in quanto aumenta il ΔT tra esterno ed interno e di conseguenza aumentano le dispersioni termiche.
-Altre dispersioni si hanno quando l’aria calda sfugge all’ambiente portando con sé il calore passando da porte che vengono aperte e da spifferi e trafilaggi vari.
-In definitiva il concetto di riscaldare acqua per scaldare l’ambiente è poco efficiente in quanto il suo rendimento è basso. A confronto, un sistema termico radiante elettrico che IRIS ENERGY propone, risulta superiore sotto tutti i punti di vista:
Il rendimento è sempre del 100% in quanto la potenza elettrica assorbita viene trasformata tutta in calore e ceduta all’ambiente direttamente.
Il calore viene diffuso per irraggiamento.
L’irraggiamento che è una propagazione di , anche chiamati raggi termici, ha la particolarità, essendo un’onda elettromagnetica, di riscaldare i corpi solidi (muri, pavimenti, corpo, ecc.) senza riscaldare l’aria.
Non vi è polvere in movimento, l’aria respirata risulta più fresca e si ha la piacevole percezione di un salutare calore penetrante.
Le temperature dell’ambiente risultano omogenee in tutti i punti: tra pavimento e soffitto ci può essere la diversità di 1-2 °C.
Non avendo la necessità di riscaldare l’aria, ma solamente la struttura muraria ed il corpo, non vi sono sprechi e neppure ulteriori dispersioni legate alla fuga di aria calda che in questo caso non è più il vettore del calore trasportato.
Il tutto si traduce in un forte energetico e di conseguenza di denaro. Si deduce che i sistemi convenzionali hanno rendimenti molto bassi che possono essere così quantificati:
circa il 30% dell’energia prodotta dalla combustione viene persa durante i numerosi passaggi del sistema (rendimento caldaia mai ottimale, consumo energia circolatori elettrici, dispersioni dei tubi anche se isolati, ponti termici, ecc.).
un ulteriore 40% si perde per il concetto errato di riscaldare per convezione al posto dell’irraggiamento. Per cui risulta evidente che un sistema convenzionale di riscaldamento sia poco efficiente da un punto di vista di benessere percepito, energetico ed ambientale.
 Confronto tra sistemi di riscaldamento
Esempio: costi stimati per un appartamento di circa 120 mq. su un solo piano rialzato, con
buon isolamento termico, in una regione del centro nord Italia, confronto tra un impianto a
caldaia e un impianto termico sul periodo di 20 anni :
Confronto sul periodo di 20 anni (con prezzi invariati > ipotetico)
Caldaia Elettrico potenza 5 kW installati
100 W/mq per riscaldamento convettivo 44 W/mq per riscaldamento radiante
Impianto completo 9000 4800
Manutenzione 5.600 0
Consumi 46.440 35480
Caldaia (sosta. Prevista dopo 10 anni) 2.000 ———
Totale 63.040 (3.152/anno) Totale 40.280 (2.014/anno)
63.040 – 40.280 = 22.760 € di risparmio in 20 anni
3.152 – 2.014 = 1.138 €/anno di risparmio
Dai calcoli effettuati risulta quindi conveniente oltre che salutare eseguire impianti di
riscaldamento con il sistema a pannelli radianti.
0

Pannello Riscaldante a Infrarossi, cos’è?

I pannelli non riscaldano l’, come avviene con i tradizionali caloriferi, ma le persone e gli oggetti presenti in una stanza. Esattamente come il sole, agiscono attraverso onde ad infrarossi che si propagano nell’ e vengono assorbite da qualunque corpo solido, trasmettendo una piacevole sensazione di calore.

riscaldamento infrarossi

Al contrario dei tradizionali impianti a gas o metano che inquinano l’aria a causa dell’emissione di CO2,   ha un impatto ecologico quasi nullo.

Il riscaldamento a onde ad infrarossi consente all’utente un notevole di consumi.

La dispersione del calore prodotta, infatti, è minima visto che l’ termica viene trattenuta dai corpi e non rischia di volatilizzarsi nell’ambiente. Inoltre, l’ tende a salire verso l’alto ed è necessaria una notevole immissione di calore, invece i pannelli irradianti scaldano direttamente le persone, le mura e gli arredi di una stanza, consentendo un’apprezzabile omogeneità di temperatura in ogni punto dell’ambiente e trasmettendo una piacevole sensazione di tepore.

Altro dei pannelli irradianti  X4mance Warm riguarda la salubrità degli . Evitando di innalzare la temperatura dell’aria, il sistema a pannelli consente di evitare la formazione di umidità che in dosi eccessive rappresenta il più comune ostacolo ad una buona respirazione.

Tenere sotto controllo il livello di vapore acqueo significa, anche, ridurre al minimo le edilizie, la dispersione di polveri, di peli di animali, di pollini, di acari nell’ambiente, contrastando così anche il rischio di allergie. Va, inoltre, ribadito che i non comportano alcun danno per la . Al contrario, esse riproducono lo stesso meccanismo di trasmissione del riscaldamento solare, mantenendone i benefici effetti.

0

Cosa sono i raggi infrarossi? PROGRESSO E SCIENZA

Il sistema di a raggi infrarossi, fu impiegato inizialmente solo da medici. Nel 1981 esso ottenne l’autorizzazione ad essere utilizzato in vari campi. Da quel momento in poi, ha trovato felice impiego sia per uso privato che per applicazione da parte di specialisti, dottori e terapeuti in centri di trattamento, cliniche e luoghi di cura in quanto il calore a raggi infrarossi può essere utilizzato come ausilio ai loro metodi di cura.

un esempio lo danno sempre maggiore numero di incubatrici vengono attrezzate con sistemi di riscaldamento a raggi infrarossi per riscaldare i neonati.

Effetti benefici

Una buona parte dell’energia solare consiste di energia ad infrarossi. Studi fatti in medicina hanno dimostrato che organi e tessuti del corpo umano, assorbono questa energia in modo selettivo. Il calore ad infrarossi può avere una influenza positiva su diversi tipi di malattia: , pressione bassa, disturbi della circolazione, disturbi della funzionalità renale, disintossicazione, stress, disturbi alla gola, naso e orecchie, fruscio nelle orecchie, reumatismi, artrosi, artrite, , stiramenti muscolari, , , raffreddore, dolori mestruali, , dolori di , sciatica, insonnia, scottature, disturbi della digestione, slogature, esaurimento fisico, rigidità delle articolazioni, , dolori all’addome.

«Il sole e i raggi ultravioletti riducono il colesterolo e le carie dentali; migliorano il sistema immunitario; aumentano libido e fertilità; prevengono i tumori e rappresentano un «ingrediente» insostituibile per dare colore alla vita.

E che dire della luce infrarossa? Se ad ampio spettro, stimola l’apparato metabolico. Un vero pericolo per la salute è, invece, la , quella che ci «illumina» la casa, scuola, ufficio visto che indebolisce il sistema immunitario in toto».

 

Questo e altro ci racconta l’ingegnere Fabio Marchesi nel suo libro la Luce che cura, edizioni tecniche nuove, pp. 298, euro 19,50. Marchesi, autorevole ricercatore membro della New York Academy of Sciences e dell’American Association for the Advancement of Sciences e autore di decine di brevetti internazionali su sistemi e apparecchiature terapeutiche basate su raggi infrarossi, ultravioletti e ad ampio spettro, ha accettato di parlare con noi della sua passione per la luce. Ecco le sorprese che sono emerse.

 

Con l’arrivo dell’estate mass media e mondo scientifico hanno iniziato a parlare di nuovo male del sole, mettendoci in guardia sui suoi pericolosi raggi. Sono motivate queste preoccupazioni?

«Tutte le mie ricerche e tutti i miei studi dimostrano esattamente il contrario. Sono arrivato alla conclusione che il sole è la più potente medicina che la natura abbia regalato all’uomo. Il fatto che sia stato così bistrattato dipende da una cattiva informazione che ha dietro, se vogliamo essere chiari, grandi interessi. La mia attività è tesa a ribaltare questo atteggiamento per dimostrare e veicolare al pubblico quanto già dicono documentazioni scientifiche rigorose, cioè che la luce del sole e gli ultravioletti sono indispensabili per garantire uno stato di salute ottimale».

 

Chi c’è dietro questi interessi?

«La medicina cosiddetta ufficiale fa la sua buona parte. Se vogliamo essere espliciti, trae più vantaggi, dal punto di vista economico, se si ha un’opinione sbagliata sul sole. Purtroppo una parte della “scienza” è alla ricerca del profitto non della verità. L’obiettivo non è quello di fare scoperte per avere una popolazione in perfetta forma ma di creare uno stuolo di consumatori di farmaci. Non faccio certo una rivelazione ad affermare la potenza dell’industria chimica sia nella farmacologia che in altri settori produttivi».

 

E allora?

«Allora l’aver deprivato l’essere umano della luce ultravioletta, convincendo tutti che è nociva, ha, tanto per fare un esempio, aperto la strada a quell’enorme giro di affari che alimentano i farmaci per la riduzione del colesterolo. Il fatturato delle multinazionali che vendono farmaci per l’ipercolesterolemia è impressionante. Ce ne sono alcuni che sono assunti da oltre 80 milioni di consumatori in tutto il mondo e sfiorano ciascuno i 6,4 miliardi di dollari di fatturato. Ecco perché il colesterolo è stato trasformato nel pericolo pubblico numero uno. E dire che uno studio condotto dal professor Altschul ha dimostrato che nel 97 per cento del suo gruppo campione, con soggetti caratterizzati da problemi circolatori e d’ipertensione, si raggiungeva una riduzione del 13 per cento dei livelli di colesterolo nel sangue dopo due ore dalla sola prima esposizione alla luce del sole. La luce ultravioletta fa bene».

 

Ci sono altre ricerche che dimostrano gli effetti positivi dei raggi ultravioletti?

«Se avrete voglia di leggere il mio libro vi accorgerete che ci sono centinaia di studi pubblicati su riviste scientifiche prestigiose. In ogni caso, tra i primi ricercatori che hanno documentato gli effetti positivi della luce ad ampio spettro c’è il professor John Ott che pubblicò sull’”International Journal of Biosocial Research” i risultati di un lavoro condotto, nel 1973, allo Gacio School in Sarasota, Florida. Bambini iperattivi e con difficoltà di apprendimento superavano questi problemi se posti in ambienti illuminati con luce ad ampio spettro con ultravioletti. Non siamo iinformati a dovere».

 

Creme e filtri

Il bombardamento informativo non manca, invece, per le creme e i filtri solari?

«Non credo che ci sia un complotto a monte, a volte è l’opportunismo a farla da padrone. Occorre anche riconoscere che c’è un largo settore della medicina a cui si deve essere grati. Oggi con interventi chirurgici d’emergenza sempre più sofisticati si salvano numerose vite umane. Purtroppo c’è una parte del mondo medico che vede gran parte della sua ricchezza e del suo potere proprio nel consumo di farmaci e lo ritiene lo strumento di controllo più valido.

 

La luce del sole non la prendono in considerazione perché non è brevettabile, mentre con i farmaci gli introiti miliardari sono assicurati.

 

Lo ripeto, solo per fare qualche esempio, l’ipercolesterolemia e l’osteoporosi producono vittime, disagi e fatturati da capogiro e sono soprattutto il risultato di scarsa esposizione ai raggi ultravioletti.

Negli ultimi 40 anni si è avuto un calo del 60 per cento del testosterone, un ormone maschile, che è prodotto dall’organismo, come la vitamina D, quando ci si espone alla luce del sole».

 

Ma alla luce solare bisogna esporsi solo in estate o pure in inverno?

«Lei consideri che d’inverno, in una giornata piovosa, si arriva a 700 microwatt di ultravioletti per centimetro quadrato alla luce naturale. Mentre al chiuso, cioè in casa, a scuola e in ufficio gli ultravioletti sono a livello zero. La scienza li ha banditi dall’illuminazione artificiale perché continua a ritenerli erroneamente pericolosi. Di fatto, molti non sanno di cosa stanno parlando. L’uomo ha alle spalle millenni di storia che si è svolta sotto la luce del sole e non certo sotto una lampada al neon. In più aver deciso, negli ultimi quaranta anni, che l’ultravioletto fa male ha avviato profondi squilibri.

Il primo effetto immediato è stato la depressione. L’uomo, in tutta la storia dell’umanità, non è stato mai tanto depresso come oggi. La deprivazione di fattori naturali che appartengono alla natura dell’uomo determinano una serie di tanti altri effetti collaterali negativi ai quali si cerca di rispondere con il solito farmaco di sintesi chimica».

 

In pratica ci sta dicendo di stare all’aperto anche d’inverno. Ma per quanto tempo?

«Pochi sanno che negli allevamenti intensivi degli animali si ricorre a un sistema di illuminazione in cui sono presenti anche gli ultravioletti. L’obiettivo è di mantenere in salute gli animali. Dunque dovrebbero essere innanzitutto reintegrati a casa, scuola e uffici per stare in forma. Ma se ciò non si verifica il consiglio è di stare 30-60 minuti all’aperto, senza mettere gli occhiali da sole o da vista perché è fondamentale che la luce penetri nel corpo passando anche per gli occhi. Il vetro rappresenta un grande filtro per la luce ultravioletta. Nel mio libro cito oltre 300 ricerche scientifiche che dimostrano quanto sto dicendo».

 

Il rischio melanoma

Ma non c’è rischio di melanoma a stare tutto un anno a contatto con i raggi del sole?

«Tutt’altro. Sempre nel mio libro ho pubblicato le mappe del Cnr da cui si vede come la distribuzione di tumori nella popolazione, in particolare quelli della pelle, siano inversamente proporzionali all’esposizione al sole. In Svezia l’incidenza di questo tipo di neoplasia è 4 volte superiore rispetto alla Grecia, idem per la Val d’Aosta rispetto alla Sicilia. Insomma, meno sole più tumori».

 

Lei sta recitando il de profundis delle creme e dei filtri?

«Su questi preparati è proprio il caso di stendere un velo pietoso anche perché sono pieni di sostanze chimiche tra le più cancerogene che la chimica mondiale abbia mai prodotto. Il problema è semmai un altro. Se si prende un bambino denutrito del Terzo Mondo che sta morendo di fame e lo si mette di fronte a una tavola su cui è apparecchiato primo, secondo, contorno e dolce e gli facciamo consumare il tutto è sicuro che dopo un po’ starà malissimo. Se avviassimo una ricerca scientifica partendo da questa osservazione potremmo dimostrare che il cibo fa male. In verità solo la dose, dopo una lunga astinenza, è tossica. Noi che viviamo negli ambienti chiusi la maggior parte del tempo e che quando siamo all’aperto spalmiamo a più non posso filtri sulla pelle e inforchiamo un paio di occhiali per proteggere gli occhi siamo denutriti di luce. Allora se d’estate ci sdraiamo per 8 ore sotto i raggi del sole è evidente che si presenteranno non pochi inconvenienti».

 

E la regola che raccomanda di non esporsi al sole fra le 12 e le 15?

«Non ci sono regole assolute».

 

Anche per i bambini?

«E sì. Perché conta soprattutto quello che mangiano durante l’esposizione. Se il menù è fatto di hamburger, patatine fritte e bevande a base di Cola il corpo è poco attrezzato a gestire l’incontro con il sole».

 

Cosa bisognerebbe mangiare?

«La natura fornisce tutti gli strumenti più idonei. In estate c’è certamente un dosaggio maggiore di ultravioletti rispetto al resto dell’anno ma se si mangiasse in modo sano, non come indica la Scienza dell’Alimentazione, non ci sarebbe il minimo problema. Basta assecondare la natura dell’uomo che è progettato per cibi del mondo vegetale. Tanto per fare un esempio la frutta che troviamo in estate è fornita di tutti gli elementi adatti a gestire l’aumento di ultravioletti. Stesso discorso per verdure e ortaggi. Uno studio, pubblicato sul “British Journal of Dermatology”, ha mostrato che il licopene, una sostanza contenuta nel pomodoro, è uno degli antiossidanti più potenti che esista, così se si mangiano tre etti di pomodori maturi al giorno equivale a spalmarsi una crema fornita di fattore di protezione 4. Se si consumano frutta e verdura non si è in uno stato di ossidazione e si può stare tranquillamente al sole. Il discorso del sole va affrontato con una visione globale. Non solo in termini di fa bene, fa male».

 

Ma quali sono le caratteristiche della luce solare?

«Ha uno spettro molto ampio che parte dall’, poi c’è il rosso, l’arancione, il giallo, il verde, il blu, l’indaco, il viola e l’ultravioletto. Quindi il nostro corpo è fatto per attingere da tutte queste frequenze. Le posso dire di più. La luce solare del mattino ha uno spettro che è più spostato verso il blu e l’ultravioletto. Tanto per farle un esempio pratico, le frequenze comprese tra il blu e l’ultravioletto sono quelle che inibiscono la secrezione di melatonina e che allora svegliano l’organismo e lo predispongono ad affrontare al meglio la giornata. Lo spettro solare della sera, invece, è molto più spostato verso il rosso e l’ e guarda caso si tratta delle frequenze che stimolano la produzione di melatonina e dispongono l’organismo a un sano riposo notturno. Le frequenze cui ci si espone regolano l’intero sistema endocrino, immunitario, metabolico. E hanno una funzione fondamentale. Con la sola luce artificiale compariranno inevitabilmente problemi dismetabolici e disfunzioni del sistema endocrino e immunitario».

 

Illuminazione artificiale

Lei sta dicendo che i nostri ambienti al chiuso proprio non vanno.

«Esatto. E le scuole sono un disastro. Più di una decina di studi portati avanti nelle scuole elementari statunitensi mostrano che mettendo una luce ad ampio spettro nelle classi si riduce fino al 70 per cento l’assenteismo per malattia, aumenta il rendimento scolastico, si riducono i comportamenti aggressivi. La cosa che più mi ha entusiasmato nello scrivere il libro è la quantità impressionante di studi che dimostrano le mie valutazioni. Gliene cito una pubblicata su “Nature”, la rivista scientifica più prestigiosa che esista al mondo. Ricerca durata 10 anni e condotta su ben 500 mila persone. Ebbene si dice che l’altezza che una persona avrà da adulto è in stretto rapporto con la sua data di nascita».

Perché?

«C’entra sempre il sole. In pratica, più quote di luce naturale del sole, quindi con ultravioletti, riceve la madre negli ultimi tre mesi di gravidanza e più luce del sole, con ultravioletti, riceve il neonato maggiore sarà la produzione endocrina dell’ormone della crescita che influenzerà la sua statura».

0

L’infrarosso è il riscaldamento che dà benessere

L’evoluzione degli esseri umani ha fatto sì che essi possano assorbire le radiazioni infrarosse traendo addirittura beneficio per il proprio sistema immunitario. Queste radiazioni penetrano in profondità nel nostro corpo e lo riscaldano dall’interno. Ovviamente tutti i prodotti sono certificati dal TÜV e definiti dal IGEF a basso tasso di elettrosmog e sono, quindi, assolutamente sicuri. Infine sono tutti marcati CE.

Cosa sono le radiazioni termiche all’?

Come è possibile che i raggi del sole attraversino milioni di chilometri di spazio gelido riuscendo comunque a così bene? La spiegazione di questo fenomeno sono le onde della banda dell’infrarosso, invisibile all’occhio umano. Queste onde mettono in movimento le molecole liberando , che noi come calore. Al contrario delle onde ancora più corte, come ad esempio le microonde, le radiazioni della banda dell’infrarosso hanno un effetto molto positivo anche sugli esseri umani.

I hanno bisogno di sostanze liquide e gelatinose per diffondere il calore (il corpo umano è fatto per circa il 70% di acqua).

Lo scopo del massaggio a infrarossi è quello di far innalzare la interna del corpo e di far dilatare i capillari sanguigni al fine di smaltire i rifiuti acidi ed i grassi accumulati come riserve.

Molti sono gli effetti benefici che vengono attributi agli  Infrarossi:

-Favorisce il flusso linfatico,

-Allevia i dolori reumatici,

-Brucia le calorie,

-Favorisce il relax ed il ,

-Agisce in maniera positiva sulle patologie che riguardano le ossa,

-Aiuta la ,

- le infiammazioni,

-Favorisce la purificazione della pelle,

-Riduce il livello di colesterolo e trigliceridi,

-Migliora la circolazione,

-Combatte la cellulite,

-Rafforza ed ha effetti benefici sul sistema immunitario,

-Ha effetti disintossicanti

 

 

 

di Ilari